Oggi in Clinica Pellegrini possiamo superare insieme la paura del dentista. È una delle paure più diffuse al mondo e prende il nome di odontofobia.

COS’È L’ODONTOFOBIA O PAURA DEL DENTISTA?

Questo disturbo porta ad evitare di rivolgersi all’odontoiatra senza pensare alle conseguenze sulla salute della bocca. La paura del dentista può comparire già nei bambini e si manifesta in diversi modi. Il paziente odontofobico può provare: agitazione, tachicardia, affanno, fino ad arrivare ad avere attacchi di panico.

L’origine della paura è spesso legata a un evento spiacevole accaduto in passato durante una seduta, può essere connesso alla paura di provare dolore, o a volte essere il risultato nei bambini della trasmissione da parte dei genitori o parenti di un’idea molto negativa del dentista.

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DELLA PAURA DEL DENTISTA?

I pazienti odontofobici tendono a rimandare le sedute dal dentista, a negare le loro problematiche e a non occuparsi della prevenzione. Si entra in questa maniera in una spirale che porta a compromettere la funzionalità del cavo orale. I pazienti si trovano a questo punto a dover affrontare interventi più grandi che vanno ad aumentare ancora di più i loro timori.

COSA FARE?

Per ogni paziente c’è la soluzione adatta.

IPNOSI

Clinica Pellegrini è lieta di offrire ai pazienti un metodo non farmacologico con cui superare tale paura. Questa tecnica, svolta da uno specialista, permette un rilassamento muscolare del paziente, una diminuzione dell’ansia associata a particolari situazioni, un cambiamento delle emozioni legate ad alcuni eventi. E’ dimostrato come nel tempo migliori l’approccio al dentista del paziente che si sottopone all’ipnosi.

LA SEDAZIONE COSCIENTE O ANSIOLISI

Regala al paziente un senso di benessere e rilassamento tramite la semplice somministrazione di un ansiolitico. In questo modo l’ansia si annulla e si è pervasi da una piacevole sensazione di tranquillità. Il paziente è cosciente ed è in grado di rispondere attivamente agli stimoli fisici e verbali.

PREVENZIONE

La prevenzione è importante a tutte le età, e ancora di più nei bambini, è evitare che si possano creare situazioni spiacevoli che portino al timore di andare dal dentista. Un approccio corretto al paziente in base all’età, un ambiente tranquillo, prendersi cura della persona e non solo della bocca aiuta a prevenire l’odontofobia.

Una buona relazione e comunicazione medico-paziente unita a una comprensione dello stato di salute e delle terapie creano un rapporto di fiducia costruttivo e duraturo.

Solo così potrai superare la paura del dentista!

Comunicazione, fiducia, benessere e tranquillità, garanzia e solarità sono elementi che in Clinica Pellegrini non mancano mai.

PRENOTA UN APPUNTAMENTO

Chiamaci allo 0423 978903 o scrivici a info@clinicapellegrini.it per prenotare il tuo appuntamento

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Articoli Correllati

Cefalea muscolo tensiva: cos'è e come curarla

CEFALEA MUSCOLO TENSIVA

Tra le varie forme quello che comunemente chiamiamo mal di testa, si possono individuare gruppi con caratteristiche completamente diverse tra loro accomunate tutte da dolore alla zona del capo. La forma più frequente è la cefalea muscolo tensiva.

SUPERARE INSIEME LA PAURA DEL DENTISTA

Oggi in Clinica Pellegrini possiamo superare insieme la paura del dentista. È una delle paure più diffuse al mondo e prende il nome di odontofobia. COS’È L’ODONTOFOBIA O PAURA DEL DENTISTA? Questo disturbo porta ad evitare di rivolgersi all’odontoiatra senza pensare alle conseguenze sulla salute della bocca. La paura del dentista può comparire già nei

LA SINDROME DELLE APNEE OSTRUTTIVE DEL SONNO

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è un disturbo respiratorio che si manifesta con episodi di ostruzione completa o parziale delle vie aeree superiori durante il sonno. La persona che soffre di questo disturbo di solito russa e mentre dorme smette di respirare per alcuni secondi finché un riflesso protettivo non scatena una specie