AIUTO, MIO FIGLIO NON SA SOFFIARSI IL NASO!

Soffiarsi il naso sembra una banalità ma si tratta in realtà di un atto complesso. Se verso i due anni la maggior parte dei bambini impara a soffiarsi il naso, per una parte di essi risulta particolarmente difficile. Le cause sono molte, una su tutti la respirazione orale. Non essendoci il fisiologico passaggio di aria dal naso, le cavità nasali si indeboliscono, le mucose diventano meno toniche e meno mobili. È quindi necessario, prima di imparare a soffiare il naso, imparare a respirare correttamente.

Se il bambino respira già con il naso, basterà insegnargli il procedimento e allenarsi con costanza finché non diventerà un atto automatico.

Ecco quindi la parte difficile. Come facciamo ad insegnarglielo?

Il trucco è scomporre l’atto complesso in atti più semplici:

  1. Prendere una grande quantità di aria dalla bocca
  2. Trattenere l’aria gonfiando le guance (si può aiutarsi tappando la bocca con la mano)
  3. Far uscire piano piano l’aria dal naso, tenendo sempre la bocca tappata

Nell’ atto di soffiarsi il naso in realtà l’aria esce rapidamente. Ma in un primo momento accontentiamoci di allenare questa sequenza. Più la alleniamo e prima potrà gestire la velocità del flusso d’aria.

Se creiamo una ritualità il bambino vivrà con meno tensione questo momento e sarà tutto più facile. Bastano un paio di minuti, magari la sera prima di lavare i denti o mentre si fa la doccia. Se si riesce a ripeterlo 2,3 volte al giorno ancora meglio!

Quando questa sequenza è automatica allora si può lavorare sulla spinta: possiamo provare a spingere forte col naso imitando il toro infuriato (in questo modo le cartilagini alari si allargano e il flusso aereo può passare meglio) oppure cercare di spingere dei foglietti di carta sopra il tavolo usando solo l’aria che esce dal naso.

Ricordiamoci inoltre di lasciare che il bambino familiarizzi con il fazzoletto fin da piccolo. Se lo teniamo noi non potrà gestire il fastidio che questo atto provoca. Lasciamo che si arrangi e poi casomai ripetiamo noi il gesto, per togliere il resto del muco. D’altro canto, coordinare il soffio con la mano che tiene il fazzoletto non è facile, fino ai 3 anni non possiamo pretendere che il bimbo ci riesca e dunque teniamo noi il fazzoletto, successivamente invece potrà cominciare a farlo da solo.

Ovviamente questi vogliono essere solo dei piccoli consigli; se avete altri dubbi o se neanche con queste dritte il bambino riesce ad imparare da sé, non esitate a rivolgervi a noi, sapremo valutare la situazione e darvi ulteriori suggerimenti!

 

PRENOTA UN APPUNTAMENTO

Chiamaci allo 0423 978903 o scrivici a info@clinicapellegrini.it per prenotare il tuo appuntamento

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Articoli Correllati

VORREI UN BEL SORRISO: SCOPRIAMO LE FACCETTE!

Anche tu ti copri i denti quando parli? Nelle foto sorridi a bocca chiusa? Se ti guardi allo specchio ti accorgi che il tuo sorriso non rispecchia chi sei? Troppe volte ci viene raccontato dai pazienti come si vergognino a mostrare la loro bocca. Per questo in Clinica Pellegrini diamo importanza all’estetica del sorriso. Il

“HO TERRORE DEL DENTISTA!” UN PROBLEMA PER CUI ABBIAMO LA SOLUZIONE.

Ti sei riconosciuto nella prima affermazione del titolo? Faresti di tutto pur di non andare dal dentista? Inventeresti qualsiasi scusa per spostare l’appuntamento? Inizi a pensarci giorni prima di doverti presentare in studio? Se è così sono sicuro che rimandi le cure, la prevenzione e la salute della tua bocca continua a peggiorare. Ti ritrovi

TI PIACEREBBE UNO STUDIO DENTISTICO PER LE CURE DI TUTTA LA FAMIGLIA?

  Oggi intervistiamo il nostro Dott. Jacopo Pellegrini.   Dott Pellegrini, cosa l’ha spinta a costruire l’ambulatorio odontoiatrico più grande di Valdobbiadene? Ho sempre avuto il sogno di realizzare la struttura dove io stesso vorrei essere curato. Ogni giorno è importante porsi nella condizione del paziente e capire di cosa il paziente ha bisogno. Non

PARLIAMO DELLA QUESTIONE DEL PREZZO?

PARLIAMO DELLA QUESTIONE DEL PREZZO? Sono sicuro che l’argomento ti interessa per cui ti invito a leggere fino all’ultima riga. Per tua informazione ho una moglie e due figli anch’io per cui sono come te quando dismetto il camice da medico. Capita a volte di ricevere una telefonata che chiede il costo di una prestazione.