Tra le varie forme quello che comunemente chiamiamo mal di testa, si possono individuare gruppi con caratteristiche completamente diverse tra loro accomunate tutte da dolore alla zona del capo. La forma più frequente è la cefalea muscolo tensiva.

Cos’è la cefalea muscolo tensiva?

La cefalea muscolo tensiva si manifesta con un dolore alla testa, del collo fino anche alle spalle, di tipo gravativo compressivo (il cosiddetto “cerchio alla testa”), costante nel tempo che può arrivare a durare anche qualche giorno. Interessa di solito entrambi i lati e l’intensità è lieve o moderata, tende a non peggiorare con lo sforzo fisico ed è raramente associata ad altri sintomi come ipersensibilità alla luce e al suono.
Alla base dei sintomi vi è una iperattivazione involontaria e continua dei gruppi muscolari del collo, della nuca, della fronte, delle tempie e delle spalle.

Quali sono le cause della cefalea muscolo tensiva?

Le cause della cefalea miotensiva sono molteplici e spesso concomitanti nello scatenare l’attacco.

Cause di natura fisica

Si va da cause di natura fisica come il mantenimento di posture scorrette per tempi prolungati per abitudine viziata (uso del cellulare) o lavorativa (pc), ad alterazioni del ritmo sonno-veglia che possono portare ad un aumento del tono muscolare di base.

Cause di natura psicologica

Esistono anche cause psicologiche come lo stress o disturbi d’ansia, o cause odontoiatriche, come in presenza di disturbi temporo mandibolari o parafunzioni quali il bruxismo e il serramento.

Come curare la cefalea?

Per quanto la terapia farmacologica possa essere efficace sui sintomi, l’andamento della cefalea può comunque essere cronico e non risolutivo oppure ricorrente. La letteratura è concorde nel dare sempre più importanza alla terapia comportamentale del paziente, quindi invitandolo a un corretto e adeguato riposo notturno, una dieta equilibrata, esercizio fisico, e un controllo dell’ansia con varie metodologie di rilassamento.
L’articolazione temporomandibolare, quando non presenta un corretto funzionamento, comporta l’attivazione di gruppi muscolari della regione della testa e del collo in maniera non coordinata favorendone l’iperattività.

In questo caso la terapia va centrata sul disturbo temporomandibolare con degli esercizi di fisioterapia o un bite che permetta di recuperare il corretto funzionamento.
Il bruxismo e il serramento, sono patologie molto più correlate allo stress che all’organo masticatorio. In questi casi si interviene con un bite oltre che con una terapia comportamentale che permetta al paziente di ridurre lo stress.
È importante segnalare quindi, durante la visita odontoiatrica la presenza di questo tipo di mal di testa in quanto si possa valutare la presenza di concause a livello del distretto orale.

PRENOTA UN APPUNTAMENTO

Chiamaci allo 0423 978903 o scrivici a info@clinicapellegrini.it per prenotare il tuo appuntamento

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Articoli Correllati

Cefalea muscolo tensiva: cos'è e come curarla

CEFALEA MUSCOLO TENSIVA

Tra le varie forme quello che comunemente chiamiamo mal di testa, si possono individuare gruppi con caratteristiche completamente diverse tra loro accomunate tutte da dolore alla zona del capo. La forma più frequente è la cefalea muscolo tensiva. Cos’è la cefalea muscolo tensiva? La cefalea muscolo tensiva si manifesta con un dolore alla testa, del

SUPERARE INSIEME LA PAURA DEL DENTISTA

Oggi in Clinica Pellegrini possiamo superare insieme la paura del dentista. È una delle paure più diffuse al mondo e prende il nome di odontofobia. COS’È L’ODONTOFOBIA O PAURA DEL DENTISTA? Questo disturbo porta ad evitare di rivolgersi all’odontoiatra senza pensare alle conseguenze sulla salute della bocca. La paura del dentista può comparire già nei

LA SINDROME DELLE APNEE OSTRUTTIVE DEL SONNO

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è un disturbo respiratorio che si manifesta con episodi di ostruzione completa o parziale delle vie aeree superiori durante il sonno. La persona che soffre di questo disturbo di solito russa e mentre dorme smette di respirare per alcuni secondi finché un riflesso protettivo non scatena una specie